IL FORMAGGIO È UNO DEGLI ALIMENTI PIU’ NEUROPROTETTIVI.

20-02-2021

Ciò che mangi ha un potente effetto sulla salute del cervello e può persino influenzare le tue funzioni cognitive a lungo termine. In particolare, uno studio su 1.787 adulti ha rivelato che su 49 cibi integrali, il formaggio era "di gran lunga" l'alimento più protettivo quando si trattava di evitare problemi cognitivi legati all'età. Il formaggio è stato ingiustamente diffamato a causa del suo contenuto di grassi saturi, quando in realtà è un alimento sano che fornisce i nutrienti chiave che mancano a molte persone, inclusi grassi sani e vitamine. Come dimostra lo studio, mangiare formaggio ogni giorno può essere un modo semplice per mantenere il cervello acuto, anche negli anni successivi. I ricercatori della Iowa State University hanno misurato quella che è nota come intelligenza fluida (FI) tra i partecipanti allo studio, che avevano un'età compresa tra 46 e 77 anni quando lo studio è stato completato. L'intelligenza fluida è la capacità di "pensare al volo" o risolvere problemi senza alcuna conoscenza preliminare del problema in questione. La ricerca suggerisce che un maggiore declino dell'intelligenza fluida con l'avanzare dell'età è associato a un aumento del rischio di malattia di Alzheimer, ma i cambiamenti nella dieta possono influenzare tale l'intelligenza. Lo studio ha valutato l'assunzione auto-dichiarata di 49 alimenti, tra cui frutta e verdura, pesce, carne, pane, caffè e vino, e l'ha confrontata con le traiettorie di intelligenza fluida tra i partecipanti, alcuni dei quali avevano una storia familiare di malattia di Alzheimer. Coloro che mangiavano formaggio quotidianamente avevano migliori punteggi di intelligenza fluida nel tempo, mentre anche il consumo di vino rosso aveva un effetto favorevole. Anche il consumo settimanale di agnello ha portato a migliori risultati di FI. L’autrice dello studio, Auriel Willette, assistente professore in Scienze alimentari e nutrizione umana, ha dichiarato in un comunicato stampa: "Sono rimasto piacevolmente sorpreso dal fatto che i nostri risultati suggeriscono che mangiare in modo responsabile formaggio e bere vino rosso ogni giorno non sono solo utili per aiutarci a far fronte alla nostra attuale pandemia di COVID-19, ma forse anche per affrontare un mondo sempre più complesso che sembra non rallentare mai. Anche se abbiamo tenuto conto se ciò fosse dovuto solo a ciò che le persone benestanti mangiano e bevono, sono necessari studi clinici randomizzati per determinare se apportare facili cambiamenti nella nostra dieta potrebbe aiutare il nostro cervello in modi significativi". I ricercatori hanno concluso che la modifica dei piani alimentari giornalieri può ridurre al minimo il declino cognitivo mentre l'aggiunta di formaggio, vino rosso e agnello settimanale può migliorare la funzione cognitiva a lungo termine. L’autore dello studio, Brandon Klinedinst, con un dottorato in neuroscienze, ha ulteriormente evidenziato il potere della dieta sulla salute del cervello a lungo termine: "A seconda dei fattori genetici che portate, alcuni individui sembrano essere più protetti dagli effetti dell'Alzheimer, mentre altri sembrano essere maggiormente a rischio. Detto questo, credo che le giuste scelte alimentari possano prevenire del tutto la malattia e il declino cognitivo. Forse il proiettile d'argento che stiamo cercando è migliorare il modo in cui mangiamo. Sapere cosa ciò comporta contribuisce a una migliore comprensione dell'Alzheimer e mette questa malattia in una traiettoria inversa". Il formaggio non è ampiamente conosciuto come "cibo per la mente", ma dovrebbe esserlo. Ad esempio, il consumo di formaggio fermentato con muffe, come il camembert, per tre mesi ha avuto effetti benefici sui livelli di fattore neurotrofico cerebrale (BDNF) nelle donne anziane con lieve declino cognitivo. Il BDNF è fortemente coinvolto nella crescita e nella sopravvivenza delle cellule nervose in particolare, e bassi livelli di BDNF sono stati collegati allo sviluppo della demenza e della malattia di Alzheimer, così come altri disturbi cerebrali come il morbo di Parkinson, il morbo di Huntington e la schizofrenia. I peptidi bioattivi prodotti dalla fermentazione del latte durante il processo di produzione del formaggio possono anche avere proprietà antiossidanti che svolgono un ruolo nel potenziamento delle capacità cognitive. L'assunzione di formaggio camembert ha dimostrato di prevenire la malattia di Alzheimer in uno studio su animali e si ritiene che nuovi lattopeptidi nei prodotti lattiero-caseari fermentati possano migliorare la funzione della memoria e il declino cognitivo. Quando i ricercatori hanno esaminato i peptidi generati dalle proteine del siero di latte durante la produzione del formaggio, si è scoperto che i peptidi contenenti Trp-Tyr (WY) migliorano la funzione di memoria nei topi. Hanno lavorato inibendo l'attività delle monoammino ossidasi-B (MAO-B) che sono considerati come biomarcatori di neuroinfiammazione nei disturbi neurodegenerativi, aiutando così a prevenire il declino cognitivo correlato all'età. Una serie di altri studi suggeriscono anche il potenziale di protezione cerebrale del formaggio, tra cui:

• Il consumo di formaggio o altri prodotti lattiero-caseari una volta alla settimana era associato a una funzione cognitiva più elevata rispetto al non consumo.

• Dopo oltre 17 anni di follow-up, una maggiore assunzione di latte e latticini ha ridotto il rischio di demenza, in particolare il morbo di Alzheimer, nella popolazione giapponese.

• Tra gli uomini, un'elevata assunzione di latticini era significativamente associata a una migliore memoria a breve termine.

PERCHE’ IL FORMAGGIO FA BENE?

Il formaggio contiene sostanze nutritive benefiche per tutto il tuo corpo, inclusa la potente triade nutrizionale di calcio, vitamina D e vitamina K2, che insieme convogliano il calcio nelle ossa e nei denti mantenendolo fuori dalle arterie. A parte il natto, il formaggio è l'alimento con le più alte concentrazioni di menachinone, o vitamina K2, ma i livelli variano a seconda del tipo di formaggio. I formaggi a pasta dura olandesi come il gouda e l'edam hanno concentrazioni relativamente elevate, così come i formaggi francesi come il formaggio Munster. Oltre alla salute delle ossa, il ruolo della vitamina K2 nella salute del cuore è ben noto. In effetti, in uno studio, coloro che avevano la più alta quantità di vitamina K2 avevano il 52% in meno di probabilità di subire una grave calcificazione nelle arterie e il 57% in meno di probabilità di morire di malattie cardiache in un periodo di 7-10 anni. Quando mangi formaggio, ottieni anche proteine e aminoacidi di alta qualità, grassi omega-3 e vitamine e minerali, tra cui calcio, zinco, fosforo, vitamine A, D, B2 (riboflavina) e B12. Otterrai anche un benefico CLA (acido linoleico coniugato), un potente combattente contro il cancro, in particolare quando mangi formaggio di mucche nutrite con erba.

IL FORMAGGIO SCONGIURA LE MALATTIE CRONICHE

Le sostanze nutritive nel formaggio si sommano agli effetti su tutto il corpo, aiutando a prevenire le malattie croniche anche al di fuori del cervello. In uno studio pubblicato su BMJ Open Diabetes Research and Care, ad esempio, i ricercatori hanno notato che i partecipanti che mangiavano almeno due porzioni di latticini ogni giorno avevano un minor rischio di ipertensione e diabete di tipo 2. Inoltre, erano a minor rischio di sindrome metabolica. "Prove emergenti suggeriscono che i latticini, in particolare i latticini interi e fermentati (ad esempio lo yogurt), possono influenzare diversi percorsi e avere effetti metabolici favorevoli", hanno spiegato i ricercatori. Questo è un altro modo in cui il formaggio può essere neuroprotettivo, poiché condizioni come il diabete hanno un impatto sulla salute del cervello. È stata anche trovata una relazione inversa tra la quantità giornaliera di latticini fermentati consumati e lo sviluppo di malattie cardiache. Ad esempio, una ricerca ha dimostrato che i soggetti con la più alta assunzione di prodotti lattiero-caseari fermentati avevano un rischio inferiore del 27% di malattie cardiache. Scrivendo sul British Journal of Nutrition, i ricercatori hanno rivelato che i prodotti lattiero-caseari non dovrebbero essere denigrati a causa del loro contenuto di grassi ma piuttosto, "L'intera matrice alimentare dovrebbe essere considerata", e: “Sulla base di studi sperimentali e prospettici fino ad oggi, sembra plausibile che i processi di produzione, come la fermentazione, possano influenzare il modo in cui i diversi prodotti lattiero-caseari influenzano lo sviluppo della CVD [malattia cardiovascolare]. Il processo di fermentazione include l'aggiunta di batteri vivi ai latticini, che possono agire come probiotici e comportare molteplici benefici cardiometabolici. Alcuni di questi batteri, utilizzati ad esempio nella produzione del formaggio, formano la vitamina K2, che è stata associata a un minor rischio di CHD [malattia coronarica]".

LA SCELTA DEL FORMAGGIO E’ IMPORTANTE

Non tutto il formaggio è creato uguale, soprattutto se è altamente lavorato. Il formaggio fuso non è un alimento salutare e dovrebbe essere evitato, mentre il formaggio naturale è un alimento intero - un semplice prodotto lattiero-caseario fermentato realizzato con nient'altro che pochi ingredienti di base - latte, fermenti lattici, sale e un enzima chiamato caglio. Puoi distinguere un formaggio naturale dalla sua etichetta, che indicherà il nome della varietà di formaggio, come "formaggio cheddar", "formaggio brie", ecc. Un altro aspetto salutare molto importante è la scelta di un formaggio prodotto con il latte di mucche nutrite con erba. Ci sono una serie di ragioni per cercare il più possibile questo tipo di latticini. Per chi è attento alla salute, il latte di mucche allevate principalmente al pascolo ha dimostrato di essere più ricco di molti nutrienti, tra cui vitamina E, beta-carotene e grassi sani omega-3 e CLA. A livello ambientale, i latticini ottenuta da mucche nutrite con erba hanno anche un impatto notevolmente ridotto rispetto al modo in cui la maggior parte dei latticini viene prodotta in operazioni di alimentazione animale concentrata (CAFO). Potresti trovare allevatori di latticini ottenuti da animali nutriti con erba che non hanno ancora superato (o che non possono permettersi di superare) il processo di certificazione biologica dell'USDA. In tal caso, parla direttamente con l'allevatore per scoprire come vengono allevati gli animali. In generale, questo tipo di formaggio è un alimento sano da includere nella dieta, che offre protezione per il tuo cervello e la tua salute nel suo complesso. Tuttavia, non è l'unico alimento che fa bene al cervello. Se stai cercando altri consigli su cosa mangiare per proteggere la tua funzione cognitiva, concentrati sull'evitare fast food trasformati e mangiare molti cibi che stimolano il cervello, come piccoli pesci d'acqua fredda, verdure crocifere, verdure a foglia verde e uova biologiche.

 

https://www.sciencedaily.com/releases/2020/12/201210145850.htm

https://content.iospress.com/articles/journal-of-alzheimers-disease/jad201058

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31562049/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4697050/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4567216/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6358753/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4727338/

https://www.cambridge.org/core/journals/british-journal-of-nutrition/article/dairy-constituents-and-neurocognitive-health-in-ageing/5720D8700BDD026AA54B4EBA90EEB9DE

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0197458018302677#bib7

https://www.sciencedirect.com/topics/neuroscience/monoamine-oxidase-b

https://agsjournals.onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/jgs.12887

https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0261561415000989

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5946231/

https://academic.oup.com/jn/article/134/11/3100/4688389

https://www.healthyeating.org/nutrition-topics/milk-dairy/dairy-foods/cheese

https://drc.bmj.com/content/8/1/e000826

https://www.acpjournals.org/doi/10.7326/M14-0737?articleid=1983393&

https://www.cambridge.org/core/journals/british-journal-of-nutrition/article/intake-of-fermented-and-nonfermented-dairy-products-and-risk-of-incident-chd-the-kuopio-ischaemic-heart-disease-risk-factor-study/C074295265BE9A67E609E22F0820CA4C

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27517544/

Bonus William Hill
Bonus Ladbrokes

Copyright © 2014-2021 Naturopata Angelo Ortisi - Tutti i diritti riservati.

Powered by Warp Theme Framework
Premium Templates