QUESTO UMILE ESTRATTO CURA LE OSSA MEGLIO DEI FARMACI.

17-02-2021

Secondo una ricerca pubblicata sul British Journal of Pharmacology nel 2008, l'alendronato (Fosamax), il raloxifene (Evista) e l'estradiolo (estrogeno, E2) sono inferiori alla genisteina fitoestrogenica che si trova comunemente nella soia fermentata*, nel trifoglio rosso, nel kudzu e nelle fave, nel preservare la densità minerale ossea (quantità) e forza (qualità) in un modello animale di osteoporosi menopausale. La genisteina è stata ampiamente studiata per il suo potenziale ruolo terapeutico nella prevenzione e nel trattamento dell'osteoporosi, nonché per oltre 170 condizioni di salute da capogiro. È probabilmente il motivo principale per cui la soia, e in particolare la soia fermentata, è stata considerata sia un alimento che una medicina nella cultura asiatica. Ciò che rende questa scoperta così rivoluzionaria è che la genisteina è un derivato alimentare, mentre le tre categorie di farmaci rispetto ad essa nello studio sono sostanze chimiche evolutivamente e biologicamente aliene (xenobiotici) con effetti negativi profondi sulla salute. Ad esempio, la classe di farmaci noti come bisfosfonati, che includono Fosamax, è stata collegata a oltre 40 effetti avversi sulla salute. In sostanza, questo studio mette in discussione i prodotti più redditizi dell'industria multimiliardaria dell’osteoporosi e dell'osteopenia. Gli alimenti e gli estratti alimentari, ovviamente, non si prestano ad essere brevettati, motivo per cui questo studio probabilmente non riceverà mai il finanziamento multimilionario necessario per portarlo al livello di una sperimentazione clinica umana. Inoltre, la perdita ossea naturale associata all'invecchiamento è stata iper-medicalizzata. Il vero valore di questo studio diventa evidente quando esaminiamo nei minimi dettagli i farmaci.

L'alendronato (Fosamax), ad esempio, era originariamente utilizzato per addolcire l'acqua nei sistemi di irrigazione utilizzati negli aranceti. Oltre alla capacità di ulcerare e forare lo stomaco, è stato collegato ad almeno 19 gravi effetti avversi sulla salute, inclusa la stessa frattura ossea!

Il Raloxifene (Evista), d'altra parte, ha dimostrato di aumentare il rischio di embolia polmonare, trombosi venosa, ictus e malattia coronarica solo per citarne alcune.

L'estradiolo, sebbene prodotto naturalmente nel nostro corpo, può avere proprietà cardiotossiche e cancerogene quando i livelli sono troppo alti, come può accadere durante la terapia ormonale sostitutiva a base farmaceutica, o quando i percorsi di disintossicazione/trasformazione funzionano in modo sub-ottimale.

La genisteina ha un'attività estrogenica molto più debole rispetto all'estradiolo, e tuttavia è in grado di legarsi agli stessi recettori degli estrogeni per una durata molto più lunga, il che può comportare effetti positivi significativi quando i livelli di estrogeni prodotti per via endogena non soddisfano i requisiti ottimali del corpo. La genisteina è anche altamente selettiva, in grado di legare e stimolare i siti dei recettori degli estrogeni ossei (con conseguente aumento della forza/densità), mentre riduce la densità del seno assorbendo e stimolando debolmente i siti dei recettori degli estrogeni all'interno del tessuto mammario. Ciò consente agli estrogeni vegetali - paradossalmente - di bloccare e/o ridurre l'attività proliferativa dell'eccesso di estradiolo e delle relative esposizioni di estrogeni xenobiotici. Lo stesso principio, noto anche come Modulazione Selettiva del Recettore Estrogeno (SERM), è stato osservato anche operativo all'interno dei fitoestrogeni presenti nei semi di lino.

 

*La soia non fermentata contiene genistina, mentre i batteri amici nel nostro intestino o i cibi coltivati come il miso la biotrasformano in genisteina.

 

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18695641/

Bonus William Hill
Bonus Ladbrokes

Copyright © 2014-2021 Naturopata Angelo Ortisi - Tutti i diritti riservati.

Powered by Warp Theme Framework
Premium Templates